1 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
2 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
3 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
4 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
5 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
6 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
7 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
8 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
9 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
10 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
11 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
12 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
13 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
14 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
15 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
16 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
17 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
18 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
19 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
20 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
21 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
22 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
23 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
24 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
25 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
26 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
27 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
28 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
29 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
30 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
31 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
32 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
33 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
34 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
35 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
36 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
37 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
38 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
39 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
40 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
41 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
42 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
43 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
44 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
45 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
46 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
47 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
48 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
49 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
50 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
51 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
52 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
53 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
54 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
55 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
56 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
57 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
58 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
59 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
60 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
61 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
62 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
63 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
64 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
65 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
66 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
67 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
68 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
69 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
70 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
71 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
72 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
73 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
74 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
75 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
76 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
77 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
78 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
79 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd
80 / 80 prev / next pause play enlarge slideshowhd

Alta lentezza

“….e il treno partì verso occidente”, assicura Jack London durante il suo vagabondaggio, splendidamente descritto ne “La strada”. Il treno ha ispirato tanta letteratura e una infinità di visioni. London, in questo senso, è in ottima compagnia, con Dickens, Tolstoj, Zola, Proust, Verne, Monet e tanti ancora.
Neanche io, anche se molto più modestamente, sono riuscito a sottrarmi al fascino di raccontare croci e delizie di un piccolo treno diretto verso occidente, la “vallecaudina”, che traghetta i sanniti nell’ovest della vicina ma lontana metropoli partenopea.
In questi tempi di aspre polemiche sul precario filo di ferro che lega Benevento a Napoli (poche corse e molto lente, vagoni al di sotto del limite della decenza, assenza di treni nei giorni di festa ecc.) ho preferito schivare i difetti e indugiare sulle opportunità che un mezzo pur anacronistico e inefficiente come questo riesce a offrire.
La meta è vicina e nota, e questo treno non garantisce distacco, fuga, non genera il rinnovamento interiore di un viaggio lungo. Su questo binario, solitario e triste (per citare un più popolare Claudio Villa), i passeggeri non sono quasi mai occasionali. Affrontano il loro percorso senza curiosità e con rassegnazione. Quasi mai guardano fuori dal finestrino: non trovano paesaggi esotici da scoprire. I luoghi sono noti, consueti. Di tanto in tanto una sbirciatina fuori, ma solo per capire che tempo farà a destinazione, o se il treno è troppo in ritardo.
Io ho frequentato molto questo treno negli anni universitari. Prendevo il treno da quella che era nota come la “stazione di cartone” al mattino presto, viaggiando spesso in piedi, muovendomi goffamente fra studenti assonnati con enormi cartelle e grossi disegni in lunghi tubi di cartone.
Già a quel tempo fotografavo, con una elegantissima Nikon tutta meccanica che mi era costata lacrime e sangue, ma che non riuscivo ad usare lungo questo viaggio, che affrontavo sempre con troppo nervosismo e contrarietà.
Arriva poi il tempo in cui interviene una esigenza di mappatura e di archiviazione del passato, mossa dal bisogno di definire la propria identità e, come in una analessi, il ricordo si bilancia con l’oblio. Ho quindi avuto bisogno di anni perché il rifiuto di quei viaggi si tramutasse in seduzione, nostalgia e bellezza, e mi riappacificassi con quei vagoni, che per la fortuna dello spirito ma per il tormento del fisico, ho ritrovato identici a quelli che mi traghettavano verso la scuola di architettura.
Credo che sia stato questo percorso a spingermi a fotografare, anni dopo, questo treno, a riguardare con nuovi occhi quei luoghi dai finestrini appannati, scoprendo che i paesaggi visti dal treno mutano con maggior lentezza di quelli attraversati dalle strade asfaltate, dove l’illusione del benessere infligge ferite gravissime e consuma il territorio in maniera insanabile.
Così, attraverso quei finestrini, la fotografia collaborava con la mia memoria e, in un tentativo di riconciliazione col passato, le immagini che si presentavano al mio sguardo sfuggivano senza riuscire a bloccarsi in una forma definita.
Pasquale Palmieri

more: IMG_0181.JPG

loading